fbpx

Blog

Forest Therapy

“La via più chiara verso l’Universo passa da una foresta selvaggia”. Lo sosteneva l’ingegnere, naturalista e scrittore scozzese John Muir e ne sono convinti anche Carola Sorrentino e Fabio Santori. Psicologa psicoterapeuta una e guida ambientale escursionistica l’altro, sono loro ad aver realizzato il progetto ‘Forest Therapy Umbria’ con l’intento di promuovere un’idea di benessere psicofisico legato alla riscoperta della natura e del territorio umbro.

Una pratica, quella della ‘Forest Therapy’, che si ispira alla metodologia dello Shinrin-yoku (letteralmente “immergersi nell’atmosfera del bosco”, poi tradotto semplicisticamente in occidente con l’espressione inglese ‘forest bathing’, bagno di foresta), sviluppata in Giappone negli anni ’80 dall’allora direttore dell’agenzia dell’agricoltura, delle foreste e della pesca Tomohide Akiyama e subito adottata dal sistema sanitario nipponico. Studi scientifici ne hanno infatti dimostrato l’efficacia contro quello che viene definito come ‘tecnostress’ (passiamo il 90% del tempo al chiuso, di solito fissando degli schermi), che provoca ansia, mal di testa, dolori a occhi e collo, irritabilità, frustrazione e insonnia.

Tutto questo perché ci stiamo irrimediabilmente allontanando da ciò che è il nostro habitat (la specie ‘homo’ ha trascorso il 99,5% del proprio tempo evolutivo in ambienti totalmente naturali) e la ‘Forest Therapy’ aiuta così a ridurre la pressione sanguigna, migliorare la salute cardiovalscoalre e metabolica, abbassare la glicemia, potenziare il sistema immunitario (mediante l’incremento delle cellule NK), accrescere la produzione di proteine antitumorali, mentre a livello psicologico migliora l’umore, riduce l’irritabilità, mitiga i sintomi depressivi, infonde energia, aumenta la creatività e riduce lo stress.

L’intento di FTU è così quello di coniugare camminate nei nostri boschi (organizzate scrupolosamente da Fabio Santori) a pratiche meditative e di riconnessione con se stessi, in cui è la natura a fare da agente ‘mediatore’ (sfruttando le competenze di Carola Sorrentino). E’ possibile prenotarsi per domenica 31 nei boschi di Pietralunga.